lunedì 22 gennaio 2018

Contributi Las 2017

Il 18 dicembre la scadenza del secondo trimestre 2017

La scadenza del 16 dicembre 2017 dei contributi agricoli dei dipendenti, essendo sabato, è rinviata a lunedì 18.  
Le aziende agricole potranno scaricare il modello F24 con i relativi importi dal cassetto previdenziale on line.  
Per accedere al Cassetto Previdenziale Aziende Agricole è necessario essere muniti di Pin Inps, ovvero di Identità SPID o della Carta Nazionale dei Servizi.  

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Protesta e diffamazione di Pubblico Ufficiale

Fino a che punto è lecito nella protesta eccedere senza incorrere nel reato di diffamazione o calunnia di pubblico ufficiale?

Fino a che punto è ammissibile protestare contro la P.A. ed un suo rappresentante, senza incorrere nel reato di diffamazione o di calunnia? Sono in ballo due principi: quello di esercizio del diritto di critica (esimente art. 51 c.p.) e di tutela dell'altrui reputazione con aggravante se l'offesa è diretta a membro di corpo politico, amministrativo o giudiziario ecc. (art. 595 c.p., ultimo comma). 
La Corte di Cassazione ha, con giurisprudenza costante, da tempo ritenuta la necessità di dar libero spazio alla denuncia consentendo libertà di linguaggio e di esposizione anche lesivo altrimenti dell'onorabilità altrui. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Usura, cumulabilità degli interessi pagati

Ai fini del calcolo del tasso usuraio, gli interessi corrispettivi sono cumulabili con i tassi di mora

L’ordinanza n. 23192 del 4 ottobre della Corte di Cassazione (VI sezione civile) afferma un principio importantissimo ad appannaggio della tutela dei cittadini, professionisti o imprese che stipulano un contratto di mutuo fondiario con le banche.
Il caso preso in esame dalla Suprema Corte è stato emblematico per affermare che, ai fini del calcolo del tasso usuraio, gli interessi corrispettivi sono cumulabili con i tassi di mora. Utilizzando altre parole, se il totale dei tassi pagati dal cliente alla banca (tra corrispettivi e di mora) superano il tasso soglia legale, allora quanto pagato a titolo di interessi risulta a titolo usuraio e, in base all’art. 1815, comma 2, del codice civile, nessun interesse è dovuto si dovrà restituire alla banca solo il capitale prestato.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

venerdì 19 gennaio 2018

Progettare il welfare aziendale le basi

Come si progetta un piano di welfare aziendale? Primo di una serie di articoli dedicati, oggi partiamo dai fondamentali

La mia nuova rubrica settimanale dedicata al mondo del welfare aziendale, in cui intendo percorrere insieme a te, le tappe fondamentali per la progettazione e la messa in campo delle migliori strategie che mettano in condizione l'imprenditore di poter recuperare quella competitività persa in questi anni.
Oggi andrò ad esplorare i principi fondamentali che dovrai tenere sempre a mente in ogni fase di sviluppo del tuo personale progetto di welfare.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Modello F24: cambiano le modalità di presentazione

Per tutti i titolari di partita Iva, in presenza di compensazioni, il mod. F24 va presentato esclusivamente tramite i canali telematici dell' AdE

Dal giorno 24 aprile 2017 il pagamento di qualsiasi tributo da parte di titolari di partita Iva che preveda una qualsiasi compensazione di importi a credito deve avvenire esclusivamente attraverso i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate, quindi attraverso F24 online, F24 web, F24 cumulativo (o F24 addebito unico) riservato agli intermediari.
Il dispositivo dell’articolo 3 D.L. 50/2017 infatti vieta l’utilizzo del remote/home banking gestiti da banche e poste quando vi è una qualsiasi compensazione con somme a credito, a prescindere dall’importo ed indipendentemente dal fatto che l’imposta da compensare sia oggetto di visto di conformità nella dichiarazione.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Come scegliere un coach

Alcune indicazioni utili per valutare il professionista che può rispondere alle vostre esigenze

Motivazione, obiettivi, piani d'azione, autostima, autorevealizzazione, consapevolezza, sono alcune delle parole del Coaching.
Per il coach le parole sono concrete, in particolare si concretizzano: nello studio, nella formazione continua, nell'azione e nella verifica.
Come potersi districare nel variegato mondo del Coaching e nelle molteplici variopinte offerte che ci appiaiono al primo clic sulla parola coach?

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Business automobilistico ed elettromobilità in Polonia

Business nel settore automobilistico, l'elettromobilità e la guida assistita in Polonia

Business nel settore automobilistico. L’elettromobilità e la guida assistita in Polonia. 
Negli ultimi anni ci sono state buone opportunità di business per le piccole e medie imprese; grazie alle 14 Zone Economiche Speciali (Z.E.S) le imprese hanno potuto svilupparsi, crescere e trarre profitto dal mercato, anche grazie alla Legge del 20 ottobre 1994 e seguenti modifiche Gazz.Uff. polacca 1994, n. 123 voce 600. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.



Segui Pronto Professionista su Facebook:

Un nuovo esempio di 'populismo giudiziario'

Il reato di STALKING non potrà più essere estinto all'esito delle condotte riparatorie

Il reato di atti persecutori ex art. 612 bis c.p. (c.d. Stalking) non potrà più essere estinto all’esito delle condotte riparatorie di cui al nuovo art. 162 ter c.p.. Lo ha previsto l’art. 1 comma 2 della l. 4 dicembre 2017 n. 172 che ha introdotto un nuovo comma all’art. 162 ter c.p., in forza del quale le disposizioni di tale  articolo non si applicano alle fattispecie di cui all’art. 612 bis c.p.. 
Si tratta, ad avviso di chi scrive, di un ulteriore caso in cui il Legislatore è intervenuto non a seguito  di una meditata riflessione sulla norma, bensì ‘sollecitato’ dal clamore (debitamente amplificato dagli organi stampa) insorto  soprattutto dopo  la sentenza n. 1299 del 2/10/17 di declaratoria di estinzione del reato previsto dall’art. 612 bis emessa dal Giudice Preliminare di Torino: nella fattispecie l’imputato aveva fatto alla persona offesa un’offerta reale di € 1.500, da essa non accettata, ma ritenuta congrua dal Giudice rispetto all’entità del fatto. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Regole certe per le cartelle di pagamento via pec

Le cartelle notificate tramite PEC sono illegittime e devono essere annullate se contengono, come allegato, un file conformato .pdf e non .m7p.

Secondo l’elaborazione della Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia (sentenza n.204/2017) solo il file in formato .mp7 garantirebbe le garanzie tipiche della raccomandata tradizionale.
Come noto, già dal 1.06.2016, in virtù di quanto originariamente previsto dall'art. 38 D.L. 31.05.2010, n. 78, la notifica degli atti di riscossione destinati a imprese individuali o costituite in forma societaria e ai professionisti iscritti in albi o elenchi (ed alle persone fisiche, in via facoltativa) potrà avvenire esclusivamente via PEC , all'indirizzo risultante dall'Indice nazionale degli indirizzi di Posta elettronica certificata (INI-PEC).

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Pianificare ed investire con successo

Non basta semplicemente investire, ma bisogna pianificare per raggiungere con successo i propri obiettivi di vita

Il 30% del totale della ricchezza degli italiani giace su conti correnti e libretti di risparmio
Si tratta di 1.500 miliardi di euro di risparmi infruttiferi, che le famiglie italiane non investono per motivi principalmente legati ad un’eccessiva avversione al rischio e ad una carente cultura finanziaria. Di questi millecinquecento miliardi di euro, la maggior parte sono di fatto fermi per paura o per incertezze legate al futuro. Li si tiene lì, per imprevisti che nella maggior parte dei casi non accadranno mai, oppure semplicemente perché non si ha idea o coscienza di cosa farne.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook: