martedì 12 dicembre 2017

Il Giudice, la fotografia e Facebook

Il caso della reclusa Doina Matei, nell’occhio del ciclone per una foto postata su Facebook mentre sorride

La storia di Doina Matei ha avuto un altro momento difficile. Come molti ricordano, nell’aprile del 2001, questa signora rumena – all’epoca di anni 21 con due figli e un vissuto di abbandoni e prostituzione – uccise la 23enne Vanessa Russo, a Roma, al termine di una lite nella metropolitana, infilandole la punta di un ombrello in un occhio; fu condannata a 16 anni per omicidio preterintenzionale aggravato. Reclusa nel carcere di Venezia, aveva ottenuto la possibilità di lavorare all’esterno, come cameriera, rientrando la sera nella casa di reclusione, e ciò dopo aver scontato ben 9 anni di reclusione. Alla fine del mese di aprile 2016, un giornalista aveva rintracciato un profilo Facebook della Matei, nel quale erano postate delle foto in cui si era fatta ritrarre con lo sfondo di Venezia (e del Lido, in estate, in costume), mentre sorrideva.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

mercoledì 6 dicembre 2017

Il compenso dell’avvocato, il preventivo scritto

L'obbligo del preventivo scritto e la misura del compenso

La legge 247 del 31.12.12 aveva già introdotto, all’art. 13 comma 5, l’obbligo per l’avvocato di fornire un preventivo scritto su richiesta del cliente. La legge 124 del 04.08.17 ha eliminato l’inciso “su richiesta” rendendo il preventivo scritto obbligatorio in ogni caso. Attualmente la norma prevede che “Il professionista è tenuto, nel rispetto del principio di trasparenza, a rendere noto al cliente il livello della complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico; è altresì tenuto a comunicare in forma scritta a colui che conferisce l'incarico professionale la prevedibile misura del costo della prestazione, distinguendo fra oneri, spese, anche forfetarie, e compenso professionale”. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

A chi serve un coaching?

Perché e quando scegliere un coaching. Invece di un corso, uno stage, un affiancamento, una pausa di riflessione, o altro ancora.

Per imparare, per migliorarsi, ci sono tante strade. Un professore competente, un manuale, un collega esperto, un terapeuta, la riflessione personale, l’affiancamento ad un esperto. 
Perché coaching, allora? Quando si ha un obiettivo preciso, quando si vuole acquisire una competenza e non solo una conoscenza, quando la personalizzazione è un requisito cruciale. 
Il coaching serve a migliorare la performance, acquisire capacità e abilità, conseguire obiettivi, sbloccare potenzialità, a partire da caratteristiche che la persona già possiede. Per esempio: diventare più bravi a parlare a un pubblico di potenziali clienti, prepararsi alla Maratona di New York, capire quale percorso di studi è più congeniale, gestire una specifica negoziazione o esame, affrontare una dieta senza scoraggiarsi, adeguare il proprio stile di vita a mutate condizioni economiche o anagrafiche o fisiche. Un coaching non trasforma la personalità del coachee, non capovolge le sue abilità e nemmeno gliene fornisce di nuove partendo da zero, ma le integra, le completa, le amplifica. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Finanza etica: un ossimoro?

In cosa consiste l'investimento Socialmente Responsabile e come si declina nelle sue differenti fattispecie. Criteri ESG e stili di investimento

FINANZA ETICA, UN OSSIMORO? 
Sfatiamo immediatamente ogni tipo di dubbio sulla definizione di Finanza Etica. Ebbene, la finanza etica non è beneficienza, non è priva di lucro, non è avulsa dalle logiche di mercato, non è una semplice forma di carità. Nel 2014 il Forum della Finanza Sostenibile trattando di Investimento Sostenibile e Responsabile (SRI) intendeva una “strategia di investimento orientata al medio-lungo periodo che, nella valutazione di imprese e istituzioni, integra l’analisi finanziaria con quella ambientale, sociale e di buon governo, al fine di creare valore per l’investitore e per la società nel suo complesso”. La finanza etica è conseguentemente business-oriented e rappresenta un investimento di medio e lungo termine, prevede l’applicazione sistematica e continua di una rigorosa medotodologia di valutazione degli asset investibili fondata su specifici indicatori di carattere ambientale, sociale e di buon governo societario detti ESG (acronimo che sta per enviromental, social and governance) che non sono gli unici parametri di riferimento per le scelte del decisore ma che integrano i tradizionali criteri prettamente finanziari adottati per selezionare investimenti in imprese, stati, istituzioni. L’investimento ESG produce inevitabilmente valore finanziario ed extra finanziario sostenibile nel lungo termine a beneficio di tutti gli Stakeholder (tutti i portatori di interesse in senso lato: azionisti, dipendenti, clienti, fornitori, comunità locali, società civile).

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Rottamazione cartelle Equitalia

E' ancora possibile rottamare le cartelle Equitalia. Novità anche per chi ha già presentato la richiesta a inizio anno

Rottamazione 2017: cartelle dal 1° gennaio al 30 settembre 2017 
E’ ancora possibile “rottamare” le cartelle Equitalia. La definizione agevolata, definita dal decreto legge n. 148/2017 (art. 1), questa volta riguarda i debiti affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017, periodo escluso nella rottamazione precedente. 
Grazie alla rottamazione è possibile pagare le cartelle Equitalia scontate delle sanzioni e degli interessi di mora

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Obbligo di accompagnare i figli a scuola

Davvero la Cassazione ha stabilito che sussiste la responsabilità degli insegnanti anche per i danni subiti dai bambini fuori dalla scuola???

A leggere attentamente la recente Ordinanza della Corte di Cassazione n. 21593 del 19.09.2017 la risposta a questa domanda non può che essere negativa e non corrisponde, dunque, al vero che la Suprema Corte abbia affermato l'obbligo dei genitori di accompagnare i figli a scuola (o addirittura imposto al legislatore di adeguarsi in questo senso).
Vediamo quindi cosa dice esattamente la recente pronuncia, al fine di chiarire meglio perche vi è così poca chiarezza sui motivi che spingono il Parlamento a voler prevedere il dovere dei genitori (o di eventuali delegati) di accompagnare e ritirare da scuola i minori infraquattordicenni.

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Nullo il patto aggiunto del canone di locazione

SS.UU.: Nel campo delle locazioni ad uso diverso, è nullo il patto aggiunto, e non registrato, con cui viene stabilito un canone di locazione maggiore

La mancata registrazione dell’accordo integrativo che fissa un maggior canone del contratto di locazione registrato, comporta la nullità dell’accordo integrativo, con salvezza del contratto di locazione registrato. 
Così le Sezioni Unite con sentenza n. 23601 del 2017 si sono espresse sull’annosa questione che da qualche tempo attanaglia la giurisprudenza, e che ha determinato un’equiparazione di disciplina fra la normativa predisposta per le locazioni a uso abitativo e quelle a uso diverso. 
Il caso di specie trae origine da un’azione di sfratto per morosità intimata dalla locatrice, dopo aver tardivamente registrato l’accordo integrativo del contratto di locazione, la quale prevedeva un maggiore importo di canone pari a €5.500,00, rispetto ai €1.200,00 del contratto precedentemente registrato. Se in primo grado il Tribunale riteneva nulla la sola pattuizione della maggiorazione, in fase di appello il collegio condannò il conduttore al pagamento dell’integrazione, stante la sanatoria ex tunc avvenuta tramite la tardiva registrazione dell’accordo integrativo, da considerarsi anche quale autodichiarazione di un’elusione fiscale. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Fondo patrimoniale: questo sconosciuto...

E' emersa in giurisprudenza una questione di rilevante attualità: Equitalia può sempre agire sul Fondo Patrimoniale? Ed iscrivere ipoteca?

Il fondo patrimoniale è uno strumento attraverso il quale i coniugi (dal 2016, vengono ricompresi anche i componenti dell’unione civile omosessuale) intendono porre un vincolo su alcuni beni destinandoli ai bisogni della famiglia. 
Modi di costituzione e pubblicità 
I coniugi (dal 2016 anche i componenti dell’unione civile omosessuale) o anche uno solo di essi possono costituire un patrimonio separato che abbia come sua specifica destinazione la finalità di far fronte ai bisogni della famiglia (art. 167 c.c.). Anche un terzo può a sua volta costituire un fondo patrimoniale, sia per atto tra vivi che per testamento. 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Avvocati, la polizza Rc diventerà facoltativa?

Il Ministero della Giustizia pronto a rivedere la normativa sull’obbligo della stipula di un’assicurazione Rc per gli avvocati

E’ stata pubblicata sul sito del CNF (Consiglio Nazionale Forense) la notizia di una prossima e, pare, più che possibile modifica della normativa sull’obbligo della stipula di un’assicurazione Rc per gli avvocati.  
Sul sito ufficiale del CNF, infatti, si legge che “L’Ufficio legislativo del Ministero della Giustizia provvederà a formulare una proposta di modifica per l’articolo 12 comma 2 della legge professionale del 2012, relativo all’obbligo assicurativo per infortuni, come richiesto dal Consiglio Nazionale Forense” e che prevedrebbe, in caso di mancata assicurazione e rispetto della legge, la cancellazione dell’avvocato dall’albo forense

Leggi tutto l'articolo.


Segui Pronto Professionista su Facebook:

Onere della prova nelle frodi carosello

Spetta all’Ufficio fornire la prova che l’operazione commerciale sia oggettivamente o soggettivamente inesistente

Onere della prova nelle frodi carosello - Spetta all’Ufficio fornire la prova che l’operazione commerciale sia oggettivamente o soggettivamente inesistente
La tematica della detraibilità dell’IVA, nel caso di fatturazione per operazioni inesistenti (oggettivamente o soggettivamente) o per operazioni comunque iscritte in un meccanismo negoziale attuato allo scopo di frodare il fisco (comunemente dette “frodi carosello”), è stata oggetto di numerose decisioni della Corte di Cassazione, che hanno investito,  alla luce di ripetuti interventi della Corte di Giustizia, che cosa deve essere provato e come è ripartito l’onere della prova tra fisco e contribuente (tra le tante v. Cass. 24490 del 2015, Cass. n. 20059 del 2014, Rv. 632476, Cass. 24426 del 2013, Rv. 629419, Cass. 23074 del 2012, Rv. 625037). 

Leggi tutto l'articolo.

Richiedi la prima consulenza gratuita in studio.


Segui Pronto Professionista su Facebook: